www.sanmauroonline.it

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


CONSIGLIO COMUNALE DESERTO

NOTIZIE

San Mauro, il Consiglio si riunisce in seconda convocazione

Quattro gatti alla seduta
I 12 consiglieri sono tutti di maggioranza


SAN MAURO MARCHESATOA rompere, in qualche modo, il silenzio assordante che da tempo pervade San Mauro Marchesato è stata una seduta di consiglio comunale. Paradossalmente non perché, come capita altrove, la seduta di consiglio è motivo di dibattito e di confronto, ma perché ha fatto eco l’episodio che si è dovuto ricorrere in seconda convocazione perché la seduta del Consiglio comunale fosse valida. Si è verificato, qualche volta, anche durante la precedente amministrazione diretta da Carmine Barbuto, ma allora diverse erano le condizioni. C’era la minoranza ( 4 componenti su 12) che attuava l’assenza tecnica, quando si accorgeva che la maggioranza non assicurava da sola il numero legale. Ora, invece, i consiglieri appartengono tutti alla maggioranza e non raggiungere il numero legale, ovvero la metà dei consiglieri più il sindaco non può che suscitare scalpore.
In prima convocazione, giorno 28 settembre, erano presenti il sindaco Levino Rajani, tre assessori: Ignazio Mauro (Vicesindaco), Raffaele Poerio e Domenico (Tonino) Corigliano e solo il consigliere Vincenzo Borda.

In seconda convocazione, prevista per il giorno successivo, non è andata meglio, perché erano presenti le stesse persone, solo che, questa volta, non esistendo un apposito regolamento, come previsto dal D.Lgs 267/2000, sembrerebbe che una vecchia norma del 1915, mai abrogata, prevede che “i consigli comunali non possono deliberare se non interviene la metà dei consiglieri assegnati al comune; però, alla seconda convocazione che avrà luogo in altro giorno, le deliberazioni sono valide, purché intervengano almeno quattro membri”. La norma è detta “dei quattro gatti”, perché consente ad un numero davvero ridotto di assumere deliberazioni anche a contenuto strategico. Sarebbe il caso, a questo punto, che il consiglio si dotasse subito di un regolamento, anche perché un’errata interpretazione può determinare la nullità radicale di deliberazioni.Ricordiamo che a San Mauro, per la prima volta, si è presentata una sola lista e quindi i 12 consiglieri, oltre il sindaco, sono tutti di maggioranza. Dopo qualche giorno dalle elezioni, però il gruppo si è ridotto a 11 per le dimissioni di Oreste Natale.

Profondamente deluso Rajani, perché, al di là di tre consiglieri assenti per ragioni di lavoro nel nord Italia, non giustifica l’assenza di consiglieri in loco, senza che abbiano mai esplicitato ragioni di dissenso. Tant’è che lo stesso Rajani dichiara: “mi auguro che sia stato un caso, la loro assenza. Credo, in ogni caso, che eventuali mal di pancia vanno portati all’interno della coalizione e discussi, soprattutto dando il proprio contributo alla soluzione dei problemi”. Poi aggiunge: “A chiarimento di quanto successo ho convocato una riunione di maggioranza per oggi (ieri per chi legge). Vorrei comunicare inoltre che, sul fronte delle cose fatte, stiamo per riaprire la strada “Croci” chiusa da almeno 5 anni, realizzata con un finanziamento per dissesto idrogeologico di 400.000 euro”. Il sindaco continua con l’elenco delle opere pubbliche messe in cantiere: “ Stiamo per riprendere il lavoro di completamento del centro storico con l’allargamento della curva di entrata in piazza del Popolo. Sono iniziati inoltre i lavori di miglioramento della strada “Arenella” e a breve è programmato il montaggio del fotovoltaico sul plesso scolastico principale. Queste sono tutte opere – continua Rajani – non di la da venire ma in itinere che troveranno la loro conclusione entro fine anno. Tutti lavori, voglio puntualizzare, a costo zero per il Comune, totalmente finanziati, ad esclusione dell’acquisto della casa che ci permetterà di allargare l’entrata in piazza che ha rappresentato un handicap storico per il nostro paese”. Sembra quasi un invito ai consiglieri assenti a riprendere la marcia perché se è legittimo disapprovare e contestare é altrettanto legittimo dire su che cosa si disapprova e si contesta. Staremo a vedere. Tornando alla seduta consiliare, l’ordine del giorno prevedeva, dopo l’approvazione dei verbali della seduta precedente, la variazione al bilancio di previsione annuale 2011 e triennale 2011/2013; salvaguardia equilibri di bilancio; approvazione capitolato d’appalto tesoreria comunale; approvazione convenzione per la gestione del servizio rifiuti solidi urbani. Punti approvati… all’unanimità

Mario Orlando De Marco

Il Crotonese di giovedì 6 ottobre 2011 pag 28


Home Page | FESTE DEL SOCCORSO | DINO VITALE | CALCIO | EVENTI LIETI | NOTIZIE | La Prociv di San Mauro nelle zone terremotate | VITA AMMINISTRATIVA | ANGOLO DEI RICORDI | PARROCCHIA | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu
[DATE] [HOUR]