www.sanmauroonline.it

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


Giuseppe De Lorenzo eletto revisore dei conti al Comune di San Mauro

NOTIZIE

Eletto De Lorenzo, sostenuto dal vice, contro Pignataro appoggiato da Rajani

Il Consiglio si è spaccato
Sulla nomina del revisore



SAN MAURO MARCHESATO - "Butto la pietra nello stagno" ha detto il sindaco, quando si è trattato di approvare la variazione al bilancio di previsione esercizio 2011 e triennale 2011/2013, riferendosi che il costo della mensa scolastica, così come è articolata, è troppo costosa per il Comune e va meglio regolamentata nel prossimo anno. Ma la vera "pietra" che scuote l'acqua di una tranquilla amministrazione arriva nel punto successivo, quando bisogna nominare il revisore dei conti per il triennio 2012/2014. Da qualche giorno c'era nell'area che su questo punto il Consiglio si sarebbe diviso la divisione del consiglio comunale e questo, dopo tanto tempo, aveva fatto affluire nella sala del consiglio qualche decina di cittadini per assistere a queste acque agitate. La votazione segreta inizia senza alcuna dichiarazione di voto, in un mesto silenzio, ma tutti sapevano che la contesa era tra due bravi giovani professionisti locali, vale a dire l'attuale revisore Luigi Pignataro, sostenuto dal sindaco Rajani e Giuseppe De Lorenzo, sostenuto dal vicesindaco Ignazio Mauro Spadafora e probabilmente dall'assessore Raffaele Poerio. Lo scrutinio ha dato come vincente Giuseppe De Lorenzo, per voti 6 a 4, ma fra i consiglieri il mutismo ha continuato. Poi il sindaco, sollecitato dall'esterno da Carmine Iuliano, neosegretario provinciale del Psi, ha spiegato che il suo tentativo di riconfermare Pignataro, come si è visto dal voto, non ha trovato l'adesione della maggioranza del consiglio. Rajani ha, comunque tenuto a precisare, che sono due valenti e bravi professionisti e che la sua scelta di votare Pignataro era dettata dal fatto che aveva bene operato e anche perché l'incarico era una sola volta rinnovabile e quindi l'alternanza poteva avvenire con la prossima scadenza.


Carmine Iuliano ha poi chiesto al sindaco il perché il consiglio non ha preso atto delle dimissioni, avvenute in agosto, del consigliere Gianluca Squillace. Il sindaco si è rifugiato in una dimenticanza che comunque non avrebbe sortito alcun effetto pratico, in considerazione che non ci sono consiglieri per la surroga. I lavori sono continuati con altri due punti connessi tra loro:
Revoca deliberazione consiliare n. 27/2009 concernente l'approvazione della convenzione per l'esercizio associato dell'ufficio di segreteria comunale e Approvazione schema di convenzione per l'esercizio associato dell'ufficio di segreteria comunale. Praticamente, il segretario comunale, Francesco Pugliese, sta per essere nominato anche segretario del Comune di Mesoraca, quindi diminuirà la sua prestazione presso il Comune di San Mauro. Il provvedimento è nella norma oltre che presenterà un vantaggio per San Mauro che è quello di avere meno spese (riduzione di orario) senza minimamente venire meno la prestazione, in quanto Pugliese è un abile professionista che al bisogno è sempre disponibile. Piuttosto ora Rajani dovrà mettere in pratica tutta la sua abilità per ricucire la maggioranza, perché un'eventuale sua dimissione da sindaco esporrebbe il Comune ad una gestione commissariale non auspicabile da nessuno, perché San Mauro non se lo può permettere.
MARIO ORLANDO DE MARCO

Fonte il CROTONESE del 22 NOVEMBRE 2011 - pag. 24


Home Page | FESTE DEL SOCCORSO | DINO VITALE | CALCIO | EVENTI LIETI | NOTIZIE | La Prociv di San Mauro nelle zone terremotate | VITA AMMINISTRATIVA | ANGOLO DEI RICORDI | PARROCCHIA | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu
[DATE] [HOUR]